Cari professori

Forse non ci siamo capiti e temo che questa sia anche un po’ colpa nostra, che abbiamo cominciato con ‘sta storia del Governo dei professori e si vede che poi ci si confonde.
Il fatto è che non siete lì a sfornare pagelle, per quello bastava aprire un blog. Siete lì perché l’idea di base è che dovreste individuare i problemi e tentare di risolverli.
Lo so, non siamo gente facile da governare, ma lo siamo ancora meno se ci troviamo di fronte qualche saccentello che non fa altro che pontificare (al di là del fatto che possiate avere ragione o meno).
Già per molti di noi è difficile dover sottostare all’ennesimo governo di destra che fa cose di destra sulla nostra pelle, ma si tratta di una situazione di emergenza per cui cerchiamo di sopportare, sperando in un avvenire più radioso dopo le prossime elezioni, ammesso che ci si arrivi vivi. Ma se poi oltre alla supposta dobbiamo anche sentire le vostre continue lezioncine non si va da nessuna parte.
Di gente che parlava a vanvera ne abbiamo avuto più che abbastanza. E va detto che anche sforzandovi è difficile che riusciare a raggiungere i sublimi livelli del governo precedente, per cui lasciate perdere le ciance e limitatevi a fare quel che va fatto.
Con l’augurio che tra qualche anno anche voi possiate essere solo un lontano ricordo.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...