C’era una volta un Milan…

che quando un allenatore, seppur vincente e rivoluzionario come Sacchi, diceva “o io o Lui”, e quel lui era Marco Van Basten, ringraziava sentitamente l’allenatore rivoluzionario e vincente e si teneva il giocatore.
Poi trovava un altro allenatore, meno rivoluzionario se vogliamo, ma forse anche più vincente (sto parlando di Capello, per chi ha la memoria corta) (4 scudetti in 5 anni, una Champions, due finali perse di cui una rubata, 58 partite utili consecutive, etc.)
Adesso invece c’è un Milan che si tiene l’allenatore (saranno i fatti a giudicare se a torto o a ragione) e vende i suoi gioielli di famiglia. Per confezionare una squadra che al momento sembra destinata a giocarsela per un posto in europa league, ma potrebbe anche andare peggio.
Lo dico? Lo dico.
Saremo aggrappati a Pato e a El sharawy (non so, ma mi aspetto che conclusa la cessione di Ibra vedremo partire anche Robinho e Cassano). Se il primo riuscirà a giocare senza farsi male ogni quarto d’ora e se riuscirà a tornare il giocatore che era fino ad un paio di anni fa, cioè un giocatore da quasi un gol a partita, e il secondo a dare un seguito e una maggiore continuità alle belle cose mostrate solo a sprazzi l’anno scorso, magari potremmo anche giocare per lo scudetto, visto il bassissimo livello della nostra attuale serie A. Sempre che Allegri riesca almeno a dare un minimo di solidità al resto della squadra e soprattutto alla difesa.
Per l’Europa direi che se riusciremo a passare il turno del primo girone sarà già un successo.
Ovviamente sarei davvero contento di essere smentito.

Annunci

3 thoughts on “C’era una volta un Milan…

  1. Stavolta non prendertela con Allegri, dai: penso lui sia il primo a essere scontento per la svendita del campionario. Sul resto sono d’accordo, specie sulle prossime probabili partenze.

    Mi piace

      • Quale allenatore vorrebbe mollare un attaccante che fa reparto da solo e ti permette di difenderti con 10 uomini nella tua metà campo? Senza mettere in dubbio quello che dici, personalmente penso che l’unico motivo che ha portato Ibra via da Milano siano i soldi. Che ha preso il Milan.

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...