Fuga Milan (Cit.)

E così tutto d’un tratto ci si ritrova ad uno sputo dal Napoli e dal secondo posto, con la Lazio e l’intermerda che annaspano e perdono punti e noi che cominciamo a coltivare un pensiero diverso su questo campionato.
Genoa-Milan è stata una partita combattuta più di quanto farebbe intendere il risultato. Per onestà intellettuale devo innanzitutto ammettere di aver visto in diretta solo il secondo tempo. Mi sono quindi perso i due presunti rigori di Niang, ma anche il gol da zoppo di Pazzini.
Sui due rigori ho poco da dire, il primo non c’era, il secondo sì. Per non sbagliarsi l’arbitro non ha fischiato né l’uno né l’altro. Ma in compenso ha anche risparmiato ai giocatori del Genoa qualche cartellino che sarebbe stato strameritato.
Detto questo, per quello che ho visto il risultato ci sta tutto. Il Milan non ha fatto spettacolo, ma ha portato a casa i tre punti contro una squadra di cagnacci (in senso buono) che non ha mollato un secondo, giocando in 10 dopo l’espulsione idiota di Constant, caduto nelle provocazioni di Bovo (però quel calcetto sul tendine un cartellino lo valeva), cosa che invece non ha fatto Balotelli.
Comunque ho visto un Milan determinato, i giornalisti spostivi direbbero “con le palle”, e questo a volte vale molto più del bel gioco.
A proposito di bel gioco, domani c’è il ritorno di Champions a Barcellona. Non è detto che anche un bel Milan con le palle possa bastare, ma c’è un vantaggio che deve essere amministraato e in fondo anche questa è una prova di maturità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...