L’idea di rifugiarsi nuovamente nel morbido abbraccio di Nonno Napolitano è l’indegna conclusione di una gestione grottesca e dilettantistica fino all’inverosimile.
Ovviamente sarebbe ingeneroso dare tutte le responsabilità a Bersani. La sua c’è, e ce l’ha tutta, ma poi anche altri devono prendersi le proprie.
Se non fossi convinto che Grillo fa parte del problema, non della soluzione, direi che capisco fin troppo bene chi ha deciso di votarlo l’ultima volta e soprattutto chi sta pensando di votarlo la prossima.
Non riesco a concepire come in tutto il paese non si riesca a trovare un candidato che non abbia superato l’età della pensione già dal secolo scorso, e anche questo è un problema non da poco in un paese che soprattutto ha un bisogno disperato di rinnovare la sua classe dirigente. Gli stessi grillini che si dipingono come alfieri del nuovo propongono un ottantenne che è tutt’altro che nuovo alla politica italiana.
Detto questo, mi chiedo dove  pensa davvero di andare un partito che in un paio di giorni è riuscito a smentire sé stesso, dopo due mesi di proclami, per cercare un inciucio che non è riuscito, bruciando il suo primo candidato (peraltro molto poco gradito alla sua stessa base), per poi fare un’improvvisa retromarcia e riuscire a bruciare, oltre al candidato migliore del mazzo (Prodi) anche quel poco di credibilità che, forse, gli era rimasta da parte dell’ultimo zoccolo duro di irriducibili ottimisti.
Ora c’è la fuga verso Napolitano e non escludo che non riescano nel miracolo di bruciare anche lui, dopo di che veramente non so cosa possano fare, se non votare Rodotà e poi ritirarsi tutti all’estero.
E’ ovvio che, comunque vada a finire, a questo punto  tutta l’attuale dirigenza del PD deve fare le valigie e levarsi dai coglioni. Lasciare spazio a chi se lo vuole prendere, sia esso Renzi o Civati, o chicchessia, ma sparire, sperando che del partito si possa ancora salvare qualcosa.

 

Annunci

One thought on “

  1. Secondo me il problema é che “il medico pietoso” Napolitano, con la sua disponibilità a ricandidarsi, consentirà che la piaga di certa politica divenga sempre più purulenta. A questo punto preferirei una “resa dei conti” feroce che il solito viscido accordo… e poi i sopravvissuti (anche tra noi elettori) si rimbocchino le maniche. Una nuova presidenza Napolitano sarebbe una specie di “indulto” politico che aprirebbe ad altri 7 anni di governicchi, nani, ballerine, igieniste dentali, leader senza carisma nè idee e soprattutto la condanna a morte politica dei neoeletti under 40. Ma é solo la mia umile opinione!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...