Milan-Verona: 1-0

Bravo culo d legno. Avete visto che look, che stile, che signorilità? Ecco, la signorilità sarà il trait d’union del mio commento di oggi.
L’inizio non è male. Non credo sarebbe stato onesto aspettarsi di più. I tre punti e una partita affrontata con quello che sembra essere un filo logico sono già abbastanza.
Prima di poter parlare di un vero Milan di Seedorf credo che ci vorrà almeno un mesetto, ma già ieri ho visto segnali interessanti. Innanzitutto un centrocampo in cui finalmente c’erano più giocatori coi piedi buoni, ben 4 su 5.
Andiamo quindi a dare un paio di voti, cominciando dall’allenatore.

– Seedorf 6,5: sufficienza piena. Innanzitutto per il risultato. Poi perché arrivato lui è subito andato via Matri (per me se segna anche 20 gol a Firenze va più che bene, così magari a giugno riusciamo a rivenderlo e magari anche a guadagnarci). Poi per la partita di ieri, di cui mi pare si possa essere soddisfatti. Adesso deve fare in modo che i 4 lì davanti riescano anche ad essere un po’ più concreti e incisivi. Mica lo troveremo sempre un difensore fesso che stende Kakà in area in quel modo. Mi pare che anche i cambi siano stati azzeccati. E poi, come ho già detto, che eleganza, che stile, che signorilità.
– Abbiati 6: seratina relativamente tranquilla. Però nelle poche occasioni in cui è stato chiamato in causa non ha fatto disastri, ma anzi se l’è cavata con una certa signorilità.
– De Sciglio 6,5: più pimpante delle ultime volte, ha fatto anche un paio di cross pregevoli e non privi di una loro intrinseca signorilità. Non sarà il nuovo Maldini, ma è sicuramente il miglior terzino a disposizione della squadra e probabilmente del campionato. Teniamocelo stretto.
– Zapata 6,5: panterone, qualche ottimo recupero. Avrebbe avuto almeno mezzo voto in più se non fosse per quel fatto che ogni tanto si trova col pallone tra i piedi e deve in qualche modo far partire l’azione. In quei momenti in genere il tifoso milanista tende a perdere tutta la sua signorilità.
– Bonera 6: parte benino, poi si perde dietro agli anni che passano ed al tedio di una carriera che avrebbe potuto essere diversa, se lui fosse stato un giocatore diverso. Comunque fa la sua in una serata in cui riusciamo a non prendere gol, sembra male non dargli la sufficienza. Sostituito da Silverstre non se la prende ed abbozza con grande signorilità.
– Silvestre 6: entra e non fa danni. Anzi, fa la sua parte senza far rimpiangere Bonera. Non sarà Thiago Silva, non ha né lo stesso talento né la stessa signorilità sul campo, ma non è neppure l’ultima delle pippe e forse merita di vedere il campo un po’ più spesso.
– Evanuelson 5,5: quando Allegri lo faceva giocare da trequartista, da seconda punta, da centrocampista di fascia, etc. dicevano che il problema era che era fuori ruolo. A parer mio il problema era che è pippa. Ora invece sta giocando da terzino sinistro, quello che dicono sia il suo ruolo, e la nostra fascia sinistra sembra un’autostrada senza pedaggio. Gli do 5,5 solo perché abbiamo vinto e questo mi spinge ad una certa signorilità.
– De jong 6,5: un mastino è un mastino, anche quando lo si infiocchetta cercando di simulare una signorilità che non gli appartiene. Il suo mestiere è sradicare palloni e mordere caviglie e lo fa bene, come sempre. Con affianco Montolivo c’è ancora meno l’imbarazzo di dover fare partire l’azione e questo giova.
– Montolivo 6: finalmente nell’unico ruolo in cui trovo sensata la sua presenza. Continuo a non vedere in lui il fenomeno che alcuni vedono. Certo, ha i piedi migliori di quelli di De Jong, una maggiore signorilità nel trattamento di palla, ma francamente continua a non farmi impazzire. Personalmente proverei già da subito a lanciare Cristante nello stesso ruolo. E poi quella fascia sul suo braccio invece che su quello di Kakà proprio non la digerisco.
– Kakà 6,5: il rigore procurato alza il voto, che sarebbe stato comunque sufficiente. Dei tre trequartisti mi è sembrato il più efficace, anche se alla lunga ha avuto un calo. Ogni tanto qualche difensore ha tentato di fargli perdere la sua signorilità, ma alla fine s’è rifatto ed ha vinto lui.
– Hondà 5,5: giustificato dal fatto di essere nel Milan solo da un paio di settimane, e di aver giocato in tre partite con tre allenatori diversi (cosa che peraltro non pare aver scomposto la sua innata signorilità orientale). Anche lui nel secondo tempo è calato fisicamente, anzi, è quasi crollato. Deve essere colpa del jet-lag.
– Birsa 6: entra e fa il suo, che nel caso specifico è di non far danni. Accetta il suo ruolo con compostezza e signorilità.
– Robinho 6: via, diamogliela ‘sta sufficienza, anche se francamente ho visto tanta corsa ma poca sostanza e poca signorilità..
– Petagna 6: Pignatone entra nel finale e, anche solo per questioni di massa, crea lo scompiglio nella difesa del Verona, che infatti ha perso un po’ di signorilità. Abituati a Robinho che si taglia con un grissino, ritrovarsi di fronte questa riproduzione in scala 1:1 del David di Michelangelo (dite che sto esagerando?) deve fare una certa impressione.
– Balotelli 6,5: Mi è piaciuto. Non solo per il rigore segnato con freddezza. Si muove, corre, si sposta da una fascia all’altra, cerca il tiro, cerca l’assist, cerca anche di non cadere troppo e reagisce con signorilità alle provocazioni dei difensori. Bravo. Non so se è la cura Seedorf, ma qualunque cosa sia funziona. Ora basta dare una aggiustatina al mirino.

Annunci

2 thoughts on “Milan-Verona: 1-0

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...