7 contro 1

Per superare un trauma collettivo ci sono molti modi, ma credo che sovrapporne un altro anche peggiore non mi pare che sia la soluzione più brillante.
I brasiliani saranno sì i pentacampioni, quelli di Pelè e Ronaldo, Zico e Falcao, ma da ieri saranno anche quelli delle sette pappine in semifinale. In casa.
Per un paese che ancora soffre per una finale persa nel 1950 ( il famigerato Maracanazo) direi che è una brutta sberla sul muso.
Una sberla che questa nazionalina verdeoro (chissà se anche stavolta cambieranno il colore delle maglie), mal assortita e presuntuosa, pare essersi meritata. Almeno a giudicare dalle reazioni di tutti, tutti, i non brasiliani.
Poi uno se volesse potrebbe anche tentare di analizzare la partita, ma la partita non c’è stata e basta.
Non c’è stata partita ben al di là del risultato, che è stato un 7-1 ma avrebbe potuto essere un 8-0 9-0 10-0 se solo la Germania avesse voluto davvero infierire.
La vera enormità nella sconfitta non è nel risultato in sé, ma nella sensazione che il risultato avrebbe potuto essere ancora più severo senza che la Germania avesse bisogno di sforzarsi molto di più di quanto ha fatto.
Una resa totale e assoluta, facilitata dalle assenze contemporanee di Neymar e Thiago Silva, ma di tali proporzioni che forse anche se ci fossero stati non sarebbe cambiato molto.
Semplicemente la Germania è una squadra di calcio, il Brasile s’è dimostrato un’accozzaglia di giocatori, magari convinti anche di avere la vittoria in tasca solo per il fatto di essere brasiliani.
Ora il Brasile ha guadagnato un nuovo trauma collettivo, e noi da provinciali quali siamo potremo bullarci dicendo che in fondo la figura peggiore di questo mondiale non l’abbiamo fatta noi. Come se fosse vero. Come se le due situazioni fossero paragonabili.
Francamente, speravo che questo Brasile si dimostrasse una squadra un po’ migliore. Sono cresciuto, come tutti, nel mito del brasile fortissimo e spettacolare. Vedere questa squadretta incapace di reagire e difendersi, oltre che di imbastire un’azione da gol decente, mette tristezza. Un po’ come quando vedi cosa sono diventate certe attrici sulle quali solo (solo, sic) 25 anni fa ti ammazzavi di pugnette.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...