E alla fine il padulo ha fatto l’uovo

Su Milan-Parma bastano due righe, anche meno. Era una partita da io speriamo che me la cavo e alla fine ce la siamo cavata coi tre punti e una certezza: se Van Ginkel è un problema, Essien non può essere la soluzione. Però grazie a San Menez abbiamo portato a casa i tre punti. Grasso che cola.

Quel che mi premeva però è valutare per quanto possibile quello che è successo nel mercatino di riparazione. Diciamo subito che la mia valutazione non è entusiastica, ma neppure del tutto negativa. Mi pare che l’errore di fondo, quello di prendere giocatori in base alle offerte del momento invece che in base ad una reale programmazione, ci sia ancora. C’è però da dire che ogni tanto qualcosa di utile anche facendo la spesa un po’ a casaccio capita di prenderlo.
Vediamo dunque cosa ci ha portato il condor questa volta.

Chi arriva:

Cerci: sarebbe dovuto arrivare l’estate scorsa. Era la grande speranza, la panacea di tutti i mali, il preferito di Inzaghi, l’uomo in più, la grande promessa bianca. Ma quelli del Torino, insolenti, volgari, hanno avuto l’ardire di chiedere dei soldi in cambio. Di fronte allo sbigottimento di Galliani hanno preferito mandarlo in Spagna, dove si è comodamente accomodato in panchina. Adesso arriva in prestito fino a giugno. Ha già fatto qualche partita, con alti e bassi, e non si sa se a fine stagione resterà, perché immagino che quelli dell’Atletico per lasciarcelo vogliano qualche Euro. Può essere utile per questi mesi, ma a livello di programmazione non so cosa dire.

Suso: (Jesús Fernández Sáez) prima del suo arrivo credo che nessuno o quasi sapesse chi è, almeno dalle nostre parti. Ora che è arrivato non è cambiato molto.  Riporto quanto scritto su Wikipedia: “Può giocare come trequartista o all’occorrenza esterno d’attacco, è stato impegnato anche da mezzala ed è in possesso di un’ottima tecnica individuale”. Insomma un giovane con le stesse caratteristiche di Menez, Honda, Cerci, Bonaventura, El Shaarawy, Mastour (spero di non aver dimenticato nessuno). Direi che per il ruolo siamo coperti, Inzaghi potrà tranquillamente sbizzarrirsi con un 4-3-5-1 col falso nueve e il nueve vero. Anche lui arriva da una panchina e per il momento sta confrontando la comodità delle sedute inglesi con quelle italiane.

Bocchetti: io manco me lo ricordavo, ma prima di decidere di inseguire i petrolrubli al Rubin Kazan è stato anche in nazionale con Lippi. In Russia non se l’è neppure cavata tanto male, pare. ma nel 2013 s’è giocato i legamenti del ginocchio sinistro ed è sparito. Adesso passa dalla panchina dello Spartak Mosca a quella del Milan, in prestito. Può giocare terzino sinistro (ruolo per il quale è appena arrivato Antonelli) o centrale, insieme a Bonera, Mexes, Rami, Albertazzi, Zapata, Alex, Paletta. Diciamo che la concorrenza è tanta, per uno che in pratica non gioca da un anno e mezzo. E poi è in prestito, per cui a giugno bisognerà decidere se spendere dei soldi per tenerselo o restituirlo. Anche qui a livello di programmazione non ci siamo molto.

Destro: serviva una punta, è arrivata. E’ giovane, è una promessa, può giocare da prima punta, da vero nueve, da falso falso nueve, da dieci, da undici e pure da 118. Nessuno può dire, al momento, che sia un cattivo acquisto. Il problema è che non è un acquisto. E’ in prestito ed a giugno quei volgari della Roma vorranno parecchi soldi per lasciarcelo. Per cui fatico a immaginare che resti al Milan a vita, visto l’andazzo degli ultimi tempi.

Antonelli: mancava un terzino sinistro (Armero neppure lo calcolo), è stato preso un terzino sinistro. Insieme ad un altro terzino sinistro. Fai due che abbondiamo. Però almeno questo sulla carta è un acquisto sensato.

Paletta: la sorpresa dell’ultimo minuto. Con lui arriviamo a 8 difensori centrali. Se Inzaghi volesse osare un po’ si potrebbe giocare con un 10-3-5-1, con falso nueve, vero nueve e due liberi. Nessuno potrebbe batterci.

Salutiamo commossi i partenti:

Torres: il più grande colpo di mercato del campionato si è rivelato utile solo per una cosa: fare a gennaio lo scambio con Cerci. Ma attenzione, a giugno potrebbe tornare.

Saponara: doveva essere il nuovo Pirlo. Ha giocato pochissimo. Talvolta anche fuori ruolo. Non giudicabile, ma data la giovane età la sua cessione in prestito con diritto di riscatto potrebbe rivelarsi una pessima idea.

Niang: il nuovo Henry, il nuovo Weah, il nuovo nuovo, peccato che per vedere la porta gli ci voglia un megaschermo gigante. Ma vedrete che al Genoa farà gol a palate, per dispetto.

Conclusioni: Serviva tutto alla squadra, difensori, centrocampisti, attaccanti, tutto. Qualcosa è stato preso, anche se a prezzo di saldo e senza una chiara linea programmatica. Volendo fare il pignolo direi che continua a mancare una testa pensante a centrocampo, ed un centrale in grado di comandare la difesa. Ma forse, forse, è stata messa una pezza al problema del terzino sinistro e finalmente c’è una prima punta che promette di fare qualche gol.
Tutto dipende adesso da cosa farà Pippo in panchina. Vediamo se si riesce a salvare la stagione.

One thought on “E alla fine il padulo ha fatto l’uovo

  1. Il primo giocatore da prendere era un centrocampista di qualità, ma siccome questi giocatore gratis non ci stanno mai, noi non l’abbiamo preso.
    Dei nuovi arrivati, mi sento di dire questo:
    CERCI: doti fuori dalla norma ma cervello di gallina. Se a 27 anni vanti solo una buona annata a Torino (sponda granata) e tanti disastri un motivo ci sarà. A giocatori come lui preferirò sempre l’abnegazione e la costanza di giocatori meno dotati ma, a conti fatti, più bravi come Bonaventura.
    DESTRO: l’attaccante marchigiano mi piace, il suo problema è che ha le caratteristiche del finalizzatore e quindi ha bisogno di una squadra che lo metta in condizione di segnare con assist e passaggi. Ma entrambe queste cose il Milan non sa cosa siano.
    PALETTA: buon difensore, ma non mi sembra migliore di quelli che già abbiamo
    ANTONELLI: dopo 10 anni schiereremo terzini sinistro un terzino sinistro. Incredibile.
    BOCCHETTI: classica manovra da Condor. Giocatore finito e inutile. Speriamo lo rimandino presto in russia
    SUSO: hai detto tutto tu.

    Per me il mercato è deficitario ma sembra migliore del solito perchè a differenza delle precedenti sessioni non sono stati presi i soliti vecchietti finiti e/o scassati ma giocatori più giovani. Peccato però che non spostino di una virgola il valore complessivo della squadra…

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...