Il culo, la capra e il complotto della palla

La capra ce l’ha fatta ancora. Ma non è stata la batosta che temevamo alla vigilia, perché la Juvemerda, che comunque è una squadra più forte del Milan sgangherato degli ultimi anni, non ha dimostrato quasi nulla di tutta la sua superiorità.
Una squadra talmente forte che può vincere il campionato anche senza allenatore. O con uno come la capra in panchina, che è né più né meno che la stessa cosa.
Senza un po’ di culo, che alla capra in versione bianconera non manca, staremmo parlando probabilmente di un più giusto pareggio e nessuno avrebbe nulla da obiettare. Anche se un punto è appena meglio di zero punti, ma non fa poi tanta differenza per noi. Per come siamo messi, gli unici risultati utili possibili sono quelli da 3 punti. Tutto il resto è noia.
Comunque, sabato abbiamo visto un buon Milan, in grado di rendere molto difficile la vita di una Juvemerda non certo tra le migliori della stagione. Merito anche nostro. Finalmente una partita giocata con lo spirito giusto e la necessaria cattiveria, per lo meno fino al momento in cui il fisico, soprattutto quello di Kucka, ha retto.
La Juve se l’è cavata grazie a Buffon, ma anche grazie al culo. Sono ripetitivo?
Repetita Juve.
(Erano anni che volevo scriverla).
Il culo è soprattutto quello del gol di Pogba, che ha ciabattato la palla come il peggiore dei dilettanti. La palla però ha assunto volontà propria e, prendendosi una libertà che io non condivido, ha scavalcato il povero Gigione con un pallonetto.
La stessa palla si è invece rifiutata di entrare in porta quando a calciarla era Supermario, per me ieri migliore in campo fintanto che ha retto.
Ora, forse parlare di complotto sarà un po’ azzardato, ma non mi sembra del tutto casuale che proprio nella partita commemorativa del gol di Muntari la palla decida di prendersi certe libertà?
Mi punge vaghezza di citare con snob indifferenza i tre pali tre presi dal Milan. Parafrasando una vecchia canzone di Vecchioni, molto bella peraltro, forse non lo sai ma pure questo è culo.
Detto questo, ci sarebbe infine da parlare di quell’inezia della spintarella a Abate prima del tiro. Ma Pogba è il futuro del calcio, mica si può star lì a guardare queste sottigliezze.
Ora è da capire se il Milan riuscirà ad affrontare le prossime partite con la stessa cattiveria. Sarebbe l’unico modo di portare a casa la pellaccia.
Ma già quest’anno abbiamo visto prestazioni del genere, seguite da settimane di agonia. Per cui scusatemi ma mi faccio poche illusioni.

One thought on “Il culo, la capra e il complotto della palla

  1. Al di là dei dettagli – che giustamente hai evidenziato tu – resta un dato di fatto incontestabile: uno dei migliori Milan dell’anno ha perso contro una Juve sottotono.
    Al di là dei divari tecnici (per altro enormi) tra le due squadre e le due panchine, il problema di fondo è che da un lato c’è una squadra consapevole dei propri mezzi, matura e solida. Dall’altro lato una manica di mezzi giocatori che non solo sono scarsi, ma hanno anche la mentalità da perdenti.
    Io non mi curo di loro, guardo e passo: un giorno il nano dovrà pur morire e forse, finalmente, torneremo ad essere una squadra di CALCIO anzichè un’accozzaglia propagandistico-aziendale.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...