La politica dei piccoli passi indietro: Milan-Napoli 1-2

Ora sarebbe anche tanto consolatorio mettersi a ragionare sul fatto che in fondo perdere contro questo Napoli ci sta, che comunque abbiamo visto una squadra che non molla, che nel secondo tempo ha dominato il Milan ed è mancato solo il gol, etc.
Però sta di fatto che queste cose son le stesse che ci ripetiamo da mo’, e son tutte cose vere e belle, ma non ti portano in zona Champions. Quello che ti porta in zona Champions sono i punti, che si fanno con le vittorie, che si ottengono segnando più degli altri, che al mercato mio padre comprò.
È qui, cara signora mia, casca l’asino. Ci sono un paio di questioni, giusto un paio, che non fanno ben sperare nel prossimo futuro. La prima è quella del mercato: abbiamo preso in prestito Delofeu! Era ora, finalmente tutto andrà per il verso giusto! O no?
Da umile tifoso non evoluto, mi consento due domande due:

  1. Ma sto Delufeu, chi minchia sarebbe? In che ruolo gioca? Qualcuno lo conosce?
  2. Se è così bravo, perché lo lasciano andare via in prestito e non c’è la coda di squadre cinesi con la valigetta dei soldi per prenderlo?

A parte questo, guardiamo un attimo alla squadra che c’è e non a quella che, forse, ci sarà. Questa è la seconda questione. Che poi forse è la prima.
Data per assodata la capacità di recupero, e di soffrire per ottenere questo recupero, già vista in parecchie partite in questa stagione, viene da dire bravi, ma anche meno, grazie.
Non è che ci si debba per forza trovare sempre a recuperare. Si potrebbe anche fare a meno di un po’ di sofferenza, qualche volta. Noi tifosi medi non avremmo nulla da lamentarci se per una volta si passasse in vantaggio per primi. Per dire. Senza aspettare di trovarsi con l’acqua alla gola per poi fare ogni volta la partita della vita.
Anche perché per recuperare spesso si fa il doppio della fatica, e non sempre ci si riesce.
Magari sarebbe meglio provare, la butto lì come ipotesi di ragionamento, a finire ogni tanto un primo tempo in pareggio, o ancora meglio in vantaggio, giusto per vedere l’effetto che fa. Da Tifoso semplice e poco studiato la butto lì, vedano poi lor signori.
Ci sarebbe poi anche da fare un piccolo ragionamento su alcuni singoli, ma già so che suona antipatico. Se però alla fine di un secondo tempo come quello visto sabato contro il Napoli, il giocatore del Milan più pericoloso in attacco risulta essere stato Gigione Donnarumma, di testa nei tempi supplementari, magari potrei evitare di farlo io questo ragionamento, ma mi aspetto che qualcuno dello staff tecnico ci pensi.
Di Niang non parlo più. Non so cosa è successo,  ma è chiaro che se mai c’è stato qualcosa, lo stiamo perdendo.
Ma Bacca, quel Bacca, che coi suoi gol ha tenuto a galla la squadra l’anno scorso, che fine ha fatto? Come è possibile che da quando è rientrato lui non ne vinciamo più una?
Tutto questo per dire che io non riesco ad essere uno di quei milanisti contenti della partita di ieri, perché alla fine ne siamo usciti a testa alta.
La testa alta, a zero punti, vale quanto i punti che si sono raccolti. E la capacità di recuperare da una situazione sfavorevole vale tanto, ma vale ancora di più la capacità di non trovarsi a dover recuperare ogni partita che giochi. Perché alla fine ti trovi a faticare il doppio nella metà del tempo, quando magari sarebbe stato sufficiente avere la giusta concentrazione dall’inizio. Per cui secondo me comincia a diventare più che evidente che questo è un problema.
Non puoi trovarti a dover inseguire la partita alla disperata ogni volta. Alla lunga la paghi, ed il Milan adesso la sta pagando.

 

ADDENDUM: spero che nessuno si aspetti un commento serio alle parole di Ambrosini su Sky, secondo cui questo Napoli sarebbe in alcuni movimenti addirittura migliore del Milan di Sacchi. A parte l’ovvia improbabilità di un paragone tra situazioni distanziate tra loro da più in due decenni,  certe idiozie sono talmente grandi che l’unica cosa che si può fare è ignorarle insieme a chi le ha pronunciate. Capisco tutte le ragioni che lo hanno portato a tanto malanimo nei confronti del Milan, ma è ovvio che oltre un certo limite l’unica risposta possibile è l’oblio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...