In cerca di visibilità.

Quanto è ridicolo un paese in cui una politica in eterna cerca di credibilità può affermare una roba del genere:

«Quanto è credibile una Nazione nella quale si consente a un attore in cerca di visibilità di testimoniare contro un ex ministro della Repubblica deridendo le nostre istituzioni?»

senza essere sbertucciata sulla pubblica piazza da chiunque, compresi i suoi elettori?
Per capirsi, ecco l’attore in cerca di visibilità.

In effetti questa faccia non mi è nuova.

Me lo immagino il dialogo con il suo agente a Hollywood:
– “Richard, abbiamo un problema. La gente si sta dimenticando di te. Ci vuole un grande film.”
– “Ma no, non ti preoccupare, ho già la soluzione: vado in Italia a testimoniare contro Salvini”.
– “GENIO!”

Direi che piuttosto è vero il contrario. La scelta di chiamare Richard Gere a testimoniare ha lo scopo di dare visibilità internazionale al processo.
Ma questo, forse, la signora Meloni l’ha anche capito. E non avendo niente di credibile da dire, come suo solito la butta in caciara.