La città vecchia

Nel palazzo dove il sole del buon dio non dà i suoi raggi
ha già troppi impegni per scaldar la gente d'altri paraggi,
una velina canta la canzone antica del bunga bunga
quello che ancor non sai tu lo imparerai solo se hai la coscia lunga.

E se alla sua età le difetterà la competenza
presto affinerà le capacità con l'esperienza
dove sono andati i tempi di una volta per Giunone
quando ci voleva per fare il ministro anche un po' di vocazione.

Una gamba qua, una gamba là, gonfi di potere
quattro deputati mezzo avvelenati senza un mestiere
li troverai là, col tempo che fa, con l’onda lunga
a stratracannare a strafesteggiare con donne,  canti e bunga bunga.

Loro trovan là, la felicità dentro a un sedere
ringraziando il cielo per aver trovato il cavaliere
ci sarà allegria anche in agonia col vino forte
porteran sul viso l'ombra di un sorriso tra le braccia della morte.

Vecchio cavaliere cosa vai cercando in quel lettone
forse quella che sola ti può dare una lezione
quella che di giorno chiami sorridendo pubblica moglie
quella che di notte stabilisce il prezzo alle tue voglie.

Tu la cercherai, tu la invocherai giorno e notte
governerai distratto rimandando tutto a dopo le sette
quando aprirai i cancelli d’oro della magione
diecimila euro per sentirti dire "micio bello e bamboccione".

Se ti inoltrerai lungo le navate dei corridoi
In quell'aria spessa carica di canti, gonfia di odori
lì ci troverai i ladri i piduisti  e il tipo strano
quello che ha deciso di mettere in rima il lodo Alfano.

Se tu penserai, se giudicherai
da comunista
li condannerai a cinquemila anni più le spese
ma se capirai, se li cercherai fino in fondo
se non sono gigli son pur sempre figli
vittime di questo mondo.

(Chiedo umilmente perdono per lo scempio a Fabrizio de André, ma non ho resistito)
(Ogni riferimento a fatti o persone reali è casuale e motivato da odio e invidia)

Annunci

L'estate dell'Umberto

E’ la sua stagione, col caldo si sente meno impacciato, le signorine scollacciate gli fanno tornare un po’ di sangue in circolo, la badante gli mette la canotta buona (quella senza patacche) e lui si sente più leggero. Così può esprimersi in libertà.
Peccato che ormai si faccia un po’ fatica a stargli dietro, per cui quello che dice viene spesso travisato.
Dice "In dieci milioni vorrebbero sbattersi miss padania" e i giornalisti capiscono "dieci milioni pronti a battersi per la padania".
Dice "dovremmo seguire l’esempio indipendentista della Slovacchia, un popolo forte e fiero, vorrei vedere molti loro giocatori nel campionato padano" e i giornalisti capiscono "L’Italia comprerà la partita con la Slovacchia, vedrete che al prossimo campionato ci saranno due o tre calciatori slovacchi che giocano nelle squadre italiane…".
Alla fine si scoraggia, la badante gli dà l’aspirinetta e lui se ne va a dormire, sognando la rinascita dello Stato libero di padania, fondato nel 1467 da Cavour e Barbarossa con il sostegno morale della Chiesa Celtica Cristiana di padania.

Contro gli stranieri

Contro gli irlandesi, che bevono le nostre birre,
contro gli inglesi, che comprano le nostre ville nel chiantishire,
contro i tedeschi, che mangiano le nostre patate,
contro i francesi, che mangiano le nostre lumache,
contro gli ammericani, che fottono le nostre gnocche,

io protesto contro questa invasione straniera.

L’itaglia agli itagliani, gli stranieri se ne tornassero in stranierlandia, cribbio!

Pellusconitrombaletutte

Che poi, diciamolo, sono 15 anni che ci fotte tutti quanti aggratis, la cosa che veramente ci fa ‘ncazzare come biscie è che quelle là le paga, e anche tanto, che noi neppure ce lo sappiamo come si fa una pompa da 1.000 euro, per dire, mentre a noi niente, neanche un centesimo, neppure il bollo auto ci ha tolto.

IL TENTATAIVO

 

Vediamo se ho capito il meccanismo (e, soprattutto, se funziona anche in altri settori):

Comincio ad essere parecchio perplesso su tutta questa enfasi che si fa intorno alla figa. Diciamolo francamente, in fondo si tratta di un buco umidiccio e qualche lembo di pelle, il cui costo in fatica e denaro a volte è spropositato, per ottenere solo qualche istante di effimero piacere. Per non parlare del fatto che per ottenerla devi portarti appresso anche tutta la donna che ci sta attorno, alle volte addirittura una bionda, ed alla fine non è neppure detto che te la dia.
Quanto tempo e quante risorse abbiamo consumato inseguendola, blandendola, sognandola, per poi ritrovarci a vederla solo in fotografia ed a fare ancora una volta tutto da soli?
Ne vale veramente la pena?
Il gioco vale veramente la candela?
Mah, forse è meglio la playstation*.

 

*Questo di fare il paragone con un altro prodotto è il tocco di classe che fa la differenza.

 

TORNO SUBITO

Dopo due giorni di corso full immersion, con la prospettiva di altri due giorni uguali, posso chiaramente dirlo: sono un po’ stanchino.
Non sono in grado di affrontare qualunque tipo di argomento, per cui vado col solito post a punti:

  • anche se non ho capito la sua formazione (penso che abbia voluto puntare sull’esperienza) difendo Donadoni a spada tratta. Oltretutto la sfiga ha fatto la sua parte;
  • iPhone! iPhone! iPhone!!! (Aspetto solo le tariffe, ma la decisione è presa ed il dado è tratto, so già come spendere la quattordicesima);

  • viva la gnocca