Origini (siamo tutti Rom, in un modo o nell’altro).

Mio padre è nato in provincia di Milano, a Seveso (ora è provincia di Monza e Brianza, qualunque cosa voglia dire, ma questa è un’altra storia).
Ma era veneto.
Suo padre era vicentino.
Sua madre, credo, fosse nata e vissuta a Seveso o da quelle parti, ma non ne so molto. È morta dopo il parto, mio padre non l’ha mai conosciuta ed è cresciuto a Vicenza, con i suoi nonni paterni. Perché nel frattempo suo padre era in guerra, come ufficiale de genio (penso ce si dica così), ed è rimasto sotto un bombardamento a Napoli. L’hanno ripescato dal mucchio dei cadaveri perché qualcuno s’è accorto che era ancora vivo e ne è uscito, dopo anni di ospedale e non so quante operazioni, con le gambe malconce, una sola mano ed un solo occhio.
Mio nonno, il padre di mio padre, s’è ricostruito una vita, trovando anche il tempo di sposare un’altra donna, di origini forlivesi, e di avere da lei una seconda figlia.
A 17 anni o giù di lì, non ho dati precisi su questo, mio padre si è dovuto trasferire a Limbiate, provincia di Milano allora e adesso di Monza e Brianza, per iniziare a lavorare e contribuire a mantenere la nuova famiglia.
Lì ha conosciuto mia madre, veneta anche lei, trasferita anche lei in provincia di Milano dalla provincia di Padova, dove era nata e cresciuta.
Anche lei è nata in piena seconda guerra mondiale, ma i suoi genitori si sono potuti sposare solo nel dopoguerra, perché nel frattempo suo padre ha avuto il tempo di farsi un giro sui monti (credo che si capisca il motivo).
Famiglie contadine, di quelle che hanno girato buona parte del veneto per trovare dei campi da coltivare ed un posto in cui fermarsi.
Su tutti questi spostamenti ho poche notizie e molto vaghe, per via di una sorta di timidezza che ha sempre impedito a noi di chiedere troppo ed a loro di raccontare tutto.
Poi, sempre nel dopoguerra, la sua famiglia si è spostata a Limbiate. E lì ha conosciuto mio padre.
Io sono nato in Lombardia, a Cuggiono, insieme al mio gemello, ma mi sento veneto.
Il nostro fratello minore è nato anche lui in Lombardia, ma a Desio, e se glie lo si chiede probabilmente anche lui si sente più veneto che lombardo.
Però, in base alle attuali suddivisioni amministrative, noi saremmo milanesi e lui brianzolo. Lasciamo perdere.
Sono cresciuto, coi miei fratelli, a Limbiate.
Ora vivo a Milano, zona Giambellino.
La mia compagna ha genitori milanesi, ma sua madre è nata in provincia di Como, perché in tempo di guerra i suoi genitori sono sfollati lì da Milano per sfuggire alle bombe.
Mia figlia è nata ed è cresciuta a Milano, ma le sue radici come si vede sono ben ramificate e coprono ampia parte del lombardo-veneto.
Tutto questo senza voler tornare indietro di troppe generazioni (il mio cognome denuncia chiare origine, prima che venete, austro-ungariche).
Grazie a Facebook (qualcosa di buono l’ha fatta anche Mr. Zuckerberg) ho rintracciato persone col mio stesso cognome negli U.S.A. In Brasile, in Argentina, in Venezuela ed in svariate altre parti del mondo. Parenti, magari da perte di Adamo, ma sicuramente tutti partiti più o meno dalla stessa zona nel Veneto. Altri ne ho trovati in varie regioni dell’Italia.
Per non parlare dei miei amici storici: il napoletano con madre pugliese nato e cresciuto in provincia di Milano, il siciliano, il mezzo marchigiano, etc.
Tutti abbiamo alle spalle, nelle generazioni appena precedenti alle nostre, migrazioni di vario tipo.
Siamo tutti figli o nipoti o parenti di migranti.
Ci manca la roulotte, ma siamo tutti Rom, in un modo o nell’altro.
E questo non credo che valga solo per me. Tutti o quasi tutti in Italia hanno storie simili alle spalle.
Per questo penso che chi si esalta a certe sparate di Salvini dovrebbe pensarci un attimo e poi vergognarsi.
Su Salvini stesso invece non ho più parole, non ripetibili, per lo meno.

Addendum: ho un cugino pugliese (anche se mezzo veneto) che vive a Copenhagen e tifa Juventus. Vedete un po’ voi.

Annunci

Salve Salvini

Ingenuamente alle volte mi chiedo se il baldo Salvini sia veramente così come si dipinge o se semplicemente si è fatto prendere troppo dalla parte che recita.
Ingenuamente ed anche inutilmente, perché la quantità (e la qualità) delle enormità che dice e scrive tutti i giorni non cambia se le pensa davvero o se finge. Come non cambia la bava alla bocca che puntualmente si scatena tra i suoi seguaci nei confronti del nemico di turno.
Mi stupisce poi questa capacità di riuscire ogni giorno che passa ad alzare l’asticella. Se ci pensate non è facile. Anche perché davvero ci sono volte in cui penso che peggio non si potrebbe fare neanche scavando.
Eppure il giorno dopo lui c’è la fa.
Bisogna riconoscere che dai e dai una cosa l’ha imparata bene: tirare fuori il peggio da sé stesso e dai suoi seguaci. Quelli che “non sono razzista ma”, “aiutiamoli a casa loro”, “35 euro, hotel 5 stelle iPhone e Wi-Fi gratis”.
Anche loro, la sera, prima di addormentarsi, dopo aver detto le loro preghierine, un po’ di vergogna la proveranno?
Odio e razzismo. Razzismo e odio. Aggiungi un po’ di sana ignoranza ed avrai una miscela esplosiva. Fatico a immaginare una combinazione peggiore.
Signori leghisti, sappiate però che io non vi odio.
Mi fate schifo, mi fa schifo la vostra mancanza di umanità, ma non vi odio.
E se proprio devo augurarvi qualcosa, vi auguro tutto quello che voi augurate ogni giorno agli altri.

Il governo dei miracolati.

Quindi l’onda di rinnovamento che doveva travolgerci e produrre il favoloso governo del cambiamento si è risolta in un’accozzaglia di vecchi arnesi della politica (di quelli che però hanno avuto l’accortezza di rendersi poco visibili negli anni scorsi) e scappati di casa miracolati. Oltre a qualche nostalgico di una dittatura che per sua fortuna non ha mai vissuto sulla sua pelle.
Bene ma non benissimo, verrebbe da dire tra una lacrima e l’altra.
C’è solo da sperare che vengano travolti dalla loro incompetenza prima che questa travolga noi, ma la paura è per quello che potrebbe succedere dopo.
Il mio innato ottimismo è fortemente tentato di arrendersi e scappare in Papuasia.
Anche perché trovo che sia molto più probabile una vincita al Superenalotto piuttosto che questo governo riesca davvero a migliorare qualcosa, qualsiasi cosa, in questo paese. A parte la posizione sociale ed economica dei suoi stessi componenti.
Come passare da nullatenente mantenuto a Ministro della Repubblica in pochi anni.
In questi giorni poi ho letto di tutto, per cui non c’è molto che potrei aggiungere, soprattutto un lunedì mattina.
Noto solo che un tratto che sembra accomunare gli elettori di entrambi i partiti del nuovo Governo è l’odio verso qualcuno o qualcosa.
Odio alimentato ad arte sia dai 5S che dalla Lega.
Questo è quello che mi spaventa di più, perché sia che il governo resti in piedi sia che fallisca tutto questo odio in qualche modo si scaricherà da qualche parte. E io non auguro (quasi) a nessuno di essere lì in mezzo quando succederà.

I pazzi, quelli veri.

Quando la realtà supera la fantasia che supera la realtà che supera la fantasia.
La bozza di contratto di governo vera va oltre. Oltre tutto.
Remissione di parte del debito. Ci starebbe anche, via, chi non è mai andato in banca a chiedere che cancellassero un po’ di rate del mutuo?
E poi fuori tutti, usciamo dall’Euro. Ma dopo la cancellazione del debito, così ce lo cancellano in Euro e non in Lire.
E dopo essere usciti dall’Euro tutti in braccio a papà Putin. Così riusciranno in quello in cui non sono riusciti i COMUNISTI in 40 anni di COMUNISMO: farci annettere all’unione sovietica (o a quel che ne rimane).
Per non parlare del COMITATO DI CONCILIAZIONE, ma che bella invenzione.
Non mi è chiaro però se sarà un consesso di persone che si incontrano veramente o una chat su Whatsapp. Direi meglio la seconda, che si possono mettere le faccine.

Vabbé il mandato, ma mandato dove, di grazia?

Ripetiamo tutti insieme:
Gli elettori del PD non hanno dato al PD il mandato di stare all’opposizione.
Gli elettori del PD non hanno dato al PD il mandato di stare all’opposizione.
Gli elettori del PD non hanno dato al PD il mandato di stare all’opposizione.
Semmai sono stati gli altri. E sono stati tanti, troppi.
Gli elettori del PD hanno dato al PD il mandato di governare, come fanno tutti gli elettori di tutti i partiti.
Ora arriva il bello però. Perché se è vero, ed è vero, che chi ha votato per il PD non lo ha fatto sperando che perdesse ed andasse all’opposizione, ma che vincesse ed andasse al governo, è anche vero, anzi dovrebbe essere pure ovvio, che non è un mandato a fare qualunque cosa. Non è un mandato a fare il contrario di quello che ha fatto negli ultimi 5 anni. Non è un mandato a fare il contrario di quello che ha promesso in campagna elettorale.
Per cui se i 5stelle adesso sentono tutta questa impellenza di governare con il PD, la strada c’è ed è semplice: ACCETTINO E SI IMPEGNINO A SOTTOSCRIVERE E PORTARE A COMPIMENTO IL PROGRAMMA DEL PD.
Altrimenti, ognuno per la sua strada e poco amici come prima.
#senzadime

Aspettando cassazione

Veramente, se ritenessi di avere qualcosa di utile da dire su questa faccenda lo farei, anche se il tempo che ho a disposizione per il blog è sempre più ridotto all’osso. E non perché mi sia fatto una vita, quella ce l’ho e non so dire se negli ultimi tempi sia peggiorata o migliorata. Alcune cose sono cambiate, tra queste il tempo a disposizione per leggere e scrivere blog. Poi forse ho anche meno opinioni, meno tempo per farmene, non so.
Di fatto sulla sentenza che arriverà domani, quale che sia, ho poco da dire.
Temo che sia comunque troppo tardi, non cambierà le cose, non cambierà le sorti di un paese governato da una maggioranza che non mi rappresenta, ma nel quale l’opposizione mi rappresenta ancora meno.
Dirò di più, comunque vada non stapperò bottiglie domani. Oppure sì, ma non saranno per festeggiare, solo per la voglia di bere qualcosa con amici.
E a culo tutto il resto.

 

Il popolo della riverginità

Hai passato anni a ingoiare tranquillamente ministri che rispondevano ai giornalisti con rutti e scorregge, o mostrando il dito medio, hai sostenuto un governo che spergiurava che Rubyrubacuori fosse la nipote di Mubarak, hai finto di non sentire quando il tuo presidente del consiglio dichiarava che Vittorio Mangano è stato un eroe, non hai fatto un plissé per un ministro cui qualcuno ha pagato la casa a sua insaputa,  hai riso per il presidente bello giovane e abbronzato, hai sghignazzato per la culona inchiavabile, hai annuito soddisfatto quando dicevano che la crisi non esiste e che noi eravamo messi meglio di tutti gli altri, hai sostenuto con tutte le forze intellettuali che ti rimanevano che le attività paranormali fra le lenzuola del capo del governo sono solo gossip (anche quando si ipotizza che abbia commesso dei reati) e non dovrebbero essere argomento di discussione politica e ora invece sei profondamente scandalizzato per un ministro tecnico che s’è detto, in una conversazione privata captata dai giornalisti, che è schifato da certa politica?
Allora anche tu sei pronto per iscriverti al Popolo della Riverginità.
Altro che libertà, altro che amore che vince su invidia e odio, anche tu ormai sei entrato nella politica del nuovo millennio ed hai capito che il ricambio necessario non è nelle ideologie, non è nelle candidature, ma è nella ricostruzione ideale del metaforico imene che separa quello che hai detto oggi da quelli che penserai domani.
Il futuro del paese non può prescindere dalla ricostruzione di una nuova verginità plasticosa che consenta di non doversi mai guardare indietro. Lo sai tu, lo sappiamo noi, lo sanno anche loro, i comunisti.
Quindi cosa aspetti? Il futuro è qui, a portata di mano!
Prendi subito la tessera del PDR, il POPOLO DELLA RIVERGINITA’.
In omaggio riceverai immediatamente un set di 125 imeni di ricambio per affrontare ogni imprevisto della vita con una verginità tutta nuova e una eccezionale sorpresa a tua insaputa.

Rigor Monti

“Papà, me le prendi le olimpiadi?”

“NO”

“Dai, farò il bravo, le voglio le voglio le voglio!”

“Finiscila lì, so già che fine farebbero, come i mondiali di nuoto. Ti sei fatto sequestrare un sacco di piscine e le altre sono abbandonate chissà dove.”

“Stavolta ti giuro che ci sto attento e ci giocherò tantissimo, dai. Tutti i miei amici ce le hanno.”

“Ho detto no. Devi ancora finire di fare i compiti, hai spalato la neve?”

“Ma quella non è colpa mia, il cane mi ha mangiato la pala, e poi c’erano quelli della protezione civile che mi volevano picchiare, uno ha detto che chiamava a suo cugino, e poi avevo sbagliato pagina del diario, e stavo mettendo a posto tutti i miei cameratini soldatini di plastica, non è stata colpa mia! (Cit.). Dai, comprami le olimpiadi, ti prego ti prego ti prego, ti giuro che farò il bravissimo tipo per semprissimo.”

“NO”

La monotonia del posto fisso

Sta lì, immemore e tosto,
fermo come un citofono,
non si muove, non favella,
non racconta una novella,
monotono, il posto fisso.

Ci provo a distrarlo
sorrido, canticchio, rosicchio
tossisco, sgranocchio, scribacchio,
ma lui non reagisce, nemmeno piega, un plissé, un etciù,
monotono, il posto fisso.

Lo fisso pure io, lo tocco col dito,
lo stuzzico, lo pungolo, gli faccio il solletico
ma lui resta fermo, noioso, marmoreo,
monotono, il posto fisso
è un dito nel culo. Il posto fisso.

 

C’è sempre di peggio, basta saper aspettare

Uno non fa in tempo ad indignarsi per le cretinate dette dal noto comico che salta fuori qualcuno a fare peggio, per quanto potesse sembrare incredibile. Che poi questo qualcuno sia un leghista è solo il naturale ordine delle cose.
Se supera quello che credevi essere il normale livello di cretineria non può che essere di origine leghista, è a quello che servono.
Il sindaco di Adro, per esempio. A parte che dopo la storia della scuola ricoperta di simboli di partito stai ancora a chiederti perché questo sia ancora sindaco, tanto per cominciare. Perché vabbé che la democrazia si basa sul consenso, ed essendo stato eletto è giusto che sia nominato sindaco, ma quando si assume una determinata carica si diventa comunque il rappresentante dello stato, ergo delle sue leggi, per cui se un sindaco si pone al di fuori delle leggi dello stato non vedo perché quest’ultimo non debba dargli un benedetto calcione sui suoi coglioni padani (che non sono i tuoi elettori anche se la definizione farebbe pensare).