Splinder merda in saecula saeculorum

L’esportazione di un blog da splinder funziona sempre peggio man mano che ci si avvicina alla fatidica data. Questo non è bello ma temo che ci fosse da aspettarselo da una piattaforma che, pur avendo l’immenso merito di aver contribuito in maniera sostanziale alla nascita della blogopalla italiana, non ha mai brillato per la sapienza dei suoi aggiornamenti tecnici.
Di fatto se un paio di mesi fa ero riuscito ad esportare l’Interinale, e a trasformarlo nel gioiellino che adesso state vedendo, con relativa facilità, tutti i successivi tentativi di fare un’altra esportazione per Uolterueltroniisonmymind (il più grande caso di blog andato a puttane della storia) sono stati un fallimento. A dimostrazione che associare splinder e uolterueltroni non è stata una grande idea sin dall’inizio.
Comunque alla fine ce l’abbiamo fatta, Uolterueltroniisonmymind non morirà, non questa volta. Sono finalmente riuscito a trasferirlo qui, su wordpress, dove potrà continuare a mantenere il suo meritato stato semivegetativo.
Se la cosa è andata a buon fine devo solo ringraziare un gentilissimo utente di Friendfeed (alla faccia di chi lo considera il reietto tra i social network) che mi ha aiutato a trasformare il file cacca prodotto da splinder in un file accettabile da parte di wordpress.
Poi le cose sono andate ulteriormente per le lunghe a causa dei miei esperimenti da smanettone folle, ma questa è un’altra storia.
Ora posso finalmente mandare, definitivamente, affanculo splinder. Perdonate il francesismo.

Annunci

UN ANNO DI UOLTERUELTRONI

In tutto questo bailamme che sta succedendo quasi quasi mi sfuggiva la ricorrenza: Uolterueltroniisonmymind compie oggi un anno esatto.
Questo il post con cui se ne annunciava la nascita.
Questo il primo post del blog dei facts su Uolterueltroni. Non è il migliore, ma è comunque il primo.
E’ stato un anno complicato, ma con qualche notevole soddisfazione, tipo questa:

Grazie a tutti quelli che hanno voluto partecipare, e anche a quelli che vorranno continuare.
Finchè c’è Uolterueltroni c’è speranza.

THE GUGLE EXPERIMENT

 

Come probabilmente i più arguti di voi avranno notato, qualche tempo fa su questo blog, ed anche su Uolterueltroniisonmymind, sono comparsi alcuni bannerini pubblicitari.
Immagino che a questo punto vi siate accorti anche della loro scomparsa.
I fatti sono semplici da spiegare: avevo deciso di tentare la via dei gugleads non perché tentato dal lato oscuro della forza, ma semplicemente perché speravo che questo consentisse ai miei due blogghettini di autofinanziarsi. L’esperimento si può dichiarare concluso e clamorosamente fallito. In poco più di sei mesi sul mio conto gugle si sono accumulati la bellezza di circa 38 dollari, non di più.
Nello stesso periodo però sui miei blog si è visto di tutto, pubblicità di partiti politici lontanissimi dal mio modo di pensare, pannoloni per adulti depend, siti per anime sole, nani e ballerine.
Dato che il gioco non vale la candela, ho deciso di fare a meno di tutto ciò.
Rinuncio anche a quel mucchietto di denaro.
Se però qualcuno si offrisse di contribuire al sostentamento di questo blogger e della sua famiglia potete contattarmi via email, vi darò tutte le istruzioni necessarie.
Astenersi perditempo.

 

THEY DID IT

 

Francamente non so quanto il mondo sia migliore stamattina, rispetto a quando sono andato a dormire stanotte. Un po’ sì, perché adesso sappiamo che "si può fare", o meglio "yes we can", che in fondo è un’altra cosa.
Però è bello sapere che l’hanno fatto davvero, gli americani hanno un presidente nero, non nel senso di fascista, ma nel senso di nero di pelle. Uno che ha ancora parenti in africa, e che fino a tre anni fa non conosceva quasi nessuno, adesso è il 44° presidente degli Stati Uniti d’America. Mica male, vero?

Uolterueltroni, insieme ad una delegazione bipartisan di altri fans italiani di Obama, ha festeggiato sul palco insieme al nuovo Presidente degli Stati Uniti d'America.

Uè, Bossi, t’è capì, chel lì l’è un negher, un baluba come dice il Calderoli, ed è il 44° presidente degli Stati Uniti d’America. Un negher.
Non farti venire un altro sciopone, ma pensa che bello se una cosa simile potesse capitare anche da noi.
Magari non così in grande eh. Si può partire anche da livelli più bassi.
Pensa se un Abdul diventasse Sindaco di Vergate su Membro. Allora sì che anche noi saremmo democratici. Abdul, figlio nato in Italia di Abou (immigrato in Italia dall’Egitto), Sindaco, con la sua bella fascia tricolore.
Eh, che ne dici? Non sarebbe bello?
No dai, niente scioponi, calmati e riflettici su.
In fondo, anche questa è la democrazia che gli americani hanno portato in Italia.

 

COMUNICAZIONE CON GLI UFO

 

Today is the day. Oggi è il giorno.
Non lo dico io, lo dice la medium, per cui c’è da fidarsi.
Oggi gli ufo si sveleranno al mondo, ed io francamente non sto nella pelle. Anche perché sono un po’ stanco di chattare con loro su Skype senza poterli vedere in faccia, ma hanno questa fissa per la privacy, che non vi dico. Altro che garante.
Comunque, avendo avuto già l’occasione di comunicare con loro, mi sono permesso di avanzare alcuni suggerimenti e richieste per il bene di tutti, che adesso vorrei condividere con voi:

– non è vero che la maionese sta bene su tutto, non fatevi fregare;

– di venere e di marte non si sposa e non si parte;

– Vista non funziona, meglio un Apple;

– la blogosfera è piena di cagacazzi;

– no, non c’è bisogno di salvarli quelli sull’isola;

– riprendetevi Silvio, grazie, ha fatto abbastanza;

– riprendetevi anche Uolter.

 

VOTA SETTORE, VOTA SETTORE

 

Ma mi facci il piacere, mi facci!
Settore "blog rivelazione del 2008". E’ come dire che Maldini sarà il miglior giovane del campionato.
Io credo che le votazioni dell’ennesimo concorso per blog di macchianera siano credibili come i capelli nuovi del berlusca, tant’è che in tutte le categorie compaiono (con la sola lodevole eccezione di Settoruccio nostro) sempre i soliti noti. Tanto per dire che quella parte lì della blogopalla è giusto un filino autoreferenziale.
A maggior riprova della mia tesi (sono sempre gli stessi, è il solito magna-magna, sono tutti uguali)  posso citare l’assenza, dalla categoria "miglior blog andato a puttane" di Uolterueltroniisonmymind.
Comunque sia votate votate votate. Votate Settore, per un blog migliore.
Facciamo saltare il sistema.
E già che ci siete, votate anche per la Dottoressa Dania, che merita.