Milan-Torino: 3-2

Facciamo finta di non aver visto la partita e guardiamo solo i freddi numeri:

  • Abbiamo segnato 3 gol, cosa che non capitava da tempo, vincendo la prima partita del campionato con una tripletta dell’unico giocatore che per tutta l’estate abbiamo mandato in giro con il cartello “saldi” appeso al collo.
  • Abbiamo preso 2 gol ed abbiamo evitato il terzo solo grazie ad un 17enne che ha parato un rigore al 94° della prima di campionato.
  • Siamo, almeno ancora per 5 giorni, nel mucchione delle prime, a pari punti con la juvemerda e 3 punti sopra alla seconda squadra di Milano (che staziona in zona retrocessione).

Ecco, non è che ci sia da fare molte analisi, i problemi a centrocampo ed in difesa sono gli stessi che abbiamo lamentato negli ultimi 4 anni, non è cambiato nulla. Ma se il campionato finisse adesso avremmo poco da lamentarci.

La serie A, lo stato B

Lo ammetto subito e così mi tolgo il pensiero: non vedevo l’ora che ricominciasse il campionato.
Pur sapendo che sarà l’ennesimo anno di sofferenza pessimismo e fastidio.
Pur avendo assistito ad una estate che ha inserito il Milan nelle barzellette sportive del prossimo decennio.
Pur essendo consapevole. Punto.
Essendo consapevole.
Cosa cazzo vuol dire essere milanista e consapevole? Niente.
Consapevole di cosa?
Come si fa ad essere consapevoli di qualcosa e restare milanisti in questo periodo?
Qui siamo oltre il livello di evoluto o non evoluto.
Non vedevo l’ora che cominciasse questo nuovo campionato, pur essendo un inguaribile milanista, cioè uno che in questo momento farebbe meglio a fare di tutto per non essere consapevole di nulla.
Farò ancora una volta tutto quello che posso per guardare tutte le partite del Milan che posso, esponendomi al ludibrio degli altri. Sperando che i giocatori che scenderanno in campo con quella maglia lì si rendano conto del peso che portano sulle spalle.
Quello dell’inconsapevolezza volontaria e sciocca di chi spera di poter esultare per le loro azioni.
Poi andrà come deve andare, folza Milan, Juve melda.
E a culo tutto il resto.

Sindrome cinese 3 – preliminari

  • I preliminari, si sa, sono una bella cosa. Saltare i preliminari, si sa, è una brutta cosa, una cosa da brutte persone. Per cui viva viva i preliminari, soprattutto se portano 100 milioni di eurini di caparra.
  • Resta il fatto che si tratta di un accordo preliminare, il Berlusca non ha ancora venduto niente.
  • Nessun’altro ha pensato che con un accordo preliminare come questo all’anno, anche senza arrivare al closing, in tre anni la squadra si rifà completamente?
  • Perché quei 100 milioncini sono una caparra, caparra. Il berlusca se li tiene anche se l’affare salta.
  • Il problema sarebbe al limite trovare due fessi di fila che si fanno fregare con una caparra da 100 milioni, ma si sa, i cinesi sono tanti.

Sindrome cinese 2, la vendetta

Riassumiamo per punti la situazione:

  • Dato che la prima cordata cinese cincischia, adesso ne è saltata fuori un’altra, giusto per fare chiarezza sulla situazione.
  • La seconda cordata sembra essere più forte, più affidabile e anche più bella della prima. Non vedo l’ora di vedere la terza.
  • D’altronde i cinesi sono tanti, milioni di milioni, prima o poi qualcuno che vorrà realmente comprare il Milan lo troveranno davvero.
  • Intanto, un po’ sotto traccia, lo squadrone cresce. Con l’arrivo di Gustavo Gomez, pagato di tasca sua dal Berlusca con i risparmi sulle cene eleganti, il sesto posto per l’anno prossimo non sarà più un miraggio.
  • Gustavo Gomez, Lapadula e Vangioni. Higuain chi?
  • Diciamolo per dire, ma davvero si ride per non piangere perché, se penso a quella che eri, a quel che ero, che compassione che ho per me e per te. Eppure a volte non mi spiacerebbe essere quelli di quei tempi là, sarà per aver quindici anni in meno o avere tutto per possibilità… (Cit:)

Sindrome cinese 1

Il solito post per punti, che fa caldo e non c’ho voglia.
Via ai pensieri sparsi:

  • E anche luglio è passato, col mercato bloccato.
  • Ci spiegheranno che Lapadula è il miglior acquisto del decennio?
  • Non compriamo nessuno perché non vendiamo nessuno. Non vendiamo nessuno perché l’unico giocatore che ha un po’ mercato vuole la Champions, ma da squadre che fanno la Champions non arrivano offerte.
  • I cinesi arrivano o no? Ma soprattutto, chi cazzo sono ‘sti cinesi?
  • Il milanista vero si riconosce dall’aria guardinga con cui va in giro. Sembra che stia cercando Pokémon, in realtà cerca di avvistare il padulo in arrivo.
  • Ieri sera c’è stato un incontro tra quattro pregiudicati per parlare del futuro del Milan. Uno è il presidente, gli altri rappresentano la curva sud. Siamo messi così.

Un cucchiaio tira l’altro

Ancora un post per punti,  mischiando di tutto un po’, che è lunedì e non ho troppa voglia di articolare concetti.

  • Finito l’europeo (il nostro), posso finalmente ritornare a detestare Conte in tutta tranquillità. Quello del “siete voi la mafia del calcio” e del gol di Muntari. Io non dimentico.
  • Per me comunque Conte non ha fatto nessun miracolo, ha semplicemente portato una squadra con un minimo di organizzazione in un europeo in cui la maggior parte delle nazionali sembravano delle semplici raccolte di figurine.
  • E infatti siamo usciti (a testa alta, mi raccomando di precisarlo sempre) con la Germania, che ha sia le figurine che l’organizzazione di gioco.
  • L’ho scritto che però a testa alta?
  • Siamo certi che Balotelli quel rigore lo avrebbe tirato peggio di Zaza?
  • Idem per Pellè.
  • Ma Balotelli è il male, e adesso per la gioia di molti se ne torna al Liverpool, dove spero che Klopp lo faccia giocare più di quanto ha fatto quel coglione di Rodgers.
  • Io comunque lo rimpiangerò, e spero di non essere il solo.
  • Bravo Pogba, talento Pogba, fenomeno Pogba cento miliardi di euro più la Kamchakta per Pogba. Ma il trascinatore della Francia non è lui. Si rassegnino i gobbi.
  • In bocca al lupo a Montella. In carriera, soprattutto da allenatore, non ha mai fatto molto per rendersi simpatico ai milanisti. Ma ora è il nostro nuovo allenatore e merita la stessa sospensione del giudizio di chi l’ha preceduto.
  • Se veramente vogliono rilanciare la squadra, Bacca e De Sciglio devono restare. A meno che non vengano ceduti per prenderne due migliori negli stessi ruoli.
  • Con l’attuale centrocampo Montella non arriva al panettone, o se ci arriva è per disperazione.
  • Comunque, a testa alta.

Un po po po po po po’ di cose sparse su Spagna-Italia

  • Quindi il problema di De Sciglio non è De Sciglio ma il Milan?
  • (Un po’ magari lo sospettavo anche)
  • (Giocare in una squadra da pippe e di pippe non aiuta).
  • Conte continua a starmi sulle balle, ma del resto anche Lippi nel 2006. Senza per altro voler fare accostamenti azzardati.
  • Comunque è sempre bello prendere a schiaffi la Spagna e gli Spagnoli.
  • Spagna is the new Francia: spocchiosi antipatici.
  • Sono stato fuori dal mondo per due settimane, ma penso di non essermi perso niente di veramente importante.