Giusto un paio di banalità su Arsenal-Milan

A testa alta il mio prestigiosissimo belino.
Sta roba che abbiamo perso, ma a testa alta, quindi va tutto bene, ha rotto il cazzo.
Ha rotto il cazzo per la nazionale di rugby.
Ha rotto il cazzo per l’Olimpia un Eurolega.
Ha rotto il cazzo per il Milan.
E fidatevi, a testa alta e cazzo rotto non si va lontano.
Io a fine mese porto a casa uno stipendio (che non arriva vivo a metà del mese dopo, ma questa è un’altra storia).
Lo stipendio me lo devo guadagnare, e per farlo lavoro. Anche se non mi va. Anche se non mi piace.
Quello che segue è un dialogo immaginario a titolo di esempio.
“Amore, come è andata oggi?”
“Uh, bene tesoro, mi hanno licenziato, ma comunque sono uscito a testa alta”
“Oh, amore, sei il mio eroe!”
“Oh, tesoro, scopiamo”
“Sììììì, ma a testa alta”

INTERMEZZO DI BESTEMMIE A CASO

Breve considerazione sulla papera di Donnarumma:
Ha 19 anni e certe cose capitano anche a portieri con il doppio della sua età. Anzi, diciamo pure che probabilmente quel tiro lì la maggior parte degli altri portieri, se guardate bene, neppure l’avrebbero parato.
Poi sì, la respinta è venuta decisamente di merda e la palla è entrata in porta. Ma se la respinta fosse andata dove tutti vorremmo che fosse andata adesso parleremmo dell’ennesima paratona. E se mia nonna avesse avuto le ruote sarebbe stata un carretto.
Invece sfiga ha voluto che la palla dopo la respinta abbia preso un effetto diabolico e sia tornata indietro per finire in porta, sull’altro palo. Roba che a volerla rifare non ci si riesce.
Per cui non rompete il cazzo a me e a lui.
E se c’è qualcuno che ritiene che Donnarumma è sopravvalutato vada a tifare una squadra più adatta alle sue competenze calcistiche.
I cugini lo accoglieranno a braccia aperte.

INTERVALLO PECORECCIO

L’Arsenal è più forte e più attrezzato. Non ci sono cazzi.
Però io mi ricordo il Milan di tre mesi fa.
Questo Milan avrebbe dovuto fare un vero miracolo per passare il turno.
Non l’ha fatto. Ma già il fatto che molti l’abbiano ritenuto possibile, fa tutta la differenza del mondo.
Amen.
Non sono contento, e su quella cosa del “a testa alta” ho già espresso il mio parere, ma non facciamone una tragedia. Gli ostacoli fanno parte del percorso.
Si inciampa, ci si rialza e si riparte. Ho fiducia in Gattuso, lui sa come si fa.

PAUSA DI RIFLESSIONE

Wellbeck e l’arbitro di porta sono pronti per la Juvemerda. Fossi Marotta ci farei un pensierino (e magari l’ha già fatto).

PAUSA THE CALDO

Parliamo di un po’ di singoli.
Kalinic non si può vedere in campo. Francamente.
Ci sono anche altri giocatori che non c’entrano molto con una squadra che vuole crescere, e che sicuramente vedremo andare via senza alcun rimpianto, ma lui è il peggiore, perché lui è quello che dovrebbe, per blasone e per esperienza, fare la differenza in meglio.
Su Andrè Silva invece penso che meriti ancora fiducia. Non fosse altro per l’età. Però se al primo minuto avesse centrato la porta invece che sparacchiare a lato non voglio neanche pensare cosa sarebbe potuto succedere.
Borini ieri ha fatto una grande partita, per i suoi standard, e non si può certo criticarlo. ma sono convinto che se al suo posto ci fosse stato Calabria avremmo comunque visto un’altra partita.
Ma ricordiamoci, se mia nonna avesse avuto le ruote sarebbe stata un carretto.

Annunci

Buona la quarta.

Vi aspettavate le solite quattro righe sul Milan?

E invece no, sono un ragazzo pieno di sorprese e quindi oggi parlo dell’Olimpia.

Lo so, era un bel pezzo che non ne scrivevo.

Ormai questo sembrava essere quasi un blog monotematico. In realtà un tempo non era così, ma sono tante le cose di cui, per un motivo o per l’altro, ho quasi smesso di scrivere qui, ritrovandomi a parlare quasi esclusivamente del Milan.

Ma torniamo a bomba.

Io non sono tra quelli che, alla notizia dell’arrivo di Pianigiani, si sono strappati le vesti. Ero al Forum ad assistere alle ultime partite dei playoff l’anno scorso. Lì sì che c’era da strappare qualcosa.

Ma anche questa è un’altra storia.

Non volevo scrivere di questo, ma della partita vista ieri sera. Di una squadra che inspiegabilmente ha, ad un certo punto, un blocco. Comincia a sbagliare in difesa e soprattutto a sbagliare in attacco e in poco meno di sei minuti finisce sepolta da uno svantaggio di 15 punti. La stessa squadra che tutto d’un tratto supera quel blocco ed in quattro minuti recupera tutto lo svantaggio e, alla fine vince anche la partita.

Cose non da poco, signori miei.

Cose non da poco.

Soprattutto se fatte da una squadra che quest’anno ha nuovamente rivoluzionato completamente la propria rosa, oltre a cambiare allenatore, e che arriva da una stagione sostanzialmente fallimentare.

Mamma butta la pasta

L'Olimpia aveva bisogno di una scossa, devo dire che ieri c'è stata.
Via il parrucchiere Bucchi, arriva finalmente un allenatore vincente. C'è da capire quanto l'età e i tanti anni lontano dalla panchina si faranno sentire, ma d'acchito mi viene da pensare che se c'è un uomo in grado di gettare le fondamenta per un progetto vincente quello è lui.
Dan Peterson è la storia del basket milanese, non so se riuscirà a recuperare una stagione che stava inesorabilmente finendo alle ortiche, ma se i giocatori dovessero avere dopo questa notizia anche un solo quarto dell'entusiasmo che stanno avendo i tifosi, possiamo almeno sperare di vederli, finalmente, sputare sangue sul parquet.

"Non avrei fatto questa scelta per un’altra squadra, ma solo per l’Olimpia: farò questo passo con grande cuore."

ADDENDUM: per i non tifosi, questo entusiasmo non è facilmente comprensibile. Ma essere tifoso significa abbandonare la propria razionalità per sostituirla con un paio di colori, quelli della maglia (in questo caso la canotta).
Il tifoso non vede quello che vedono tutti gli altri, cioè la scelta di scaricare un allenatore (secondo me pessimo, per la scarsa qualità del gioco data alla squadra e per i risultati nelle partite che contano veramente) in un momento in cui comunque siamo secondi in campionato. Il tifoso vede il ritorno in panchina di un uomo che è stato leggenda.
E' come il ritorno di Goldrake.
E' come rivedere il capitano in mezzo alla difesa (questa è per i fratelli milanisti).
E' una di quelle cose che tutti, nei momenti di crisi, hanno certamente sognato, pur sapendo che fosse impossibile. In questo caso sta succedendo, lasciatemi nel sogno, sperando che il risveglio non sia troppo brusco.

 

Gli uomini che fecero l'impresa

La partita dei cugini l’ho vista distrattamente, facendo zapping incrociato con l’eurolega tra l’Olimpia sciagurata di questo inizio stagione (no comment, va’ là che è meglio) e l’invincibile Siena.
Diciamolo, alla fine già pregustavo gli sfottò ai cugini per essere stati buttati fuori nuovamente dalla ciempions, ma stavolta addirittura con un gol del nostro Sheva. Ma occorre fare tanto di cappello ad una squadra che nel secondo tempo ha sfoderato due palle d’acciaio e non ha smesso mai di provarci, aiutata ma non più di tanto da una Dinamo che, ad un certo punto, aveva parecchi giocatori in debito di ossigeno.
Hanno trovato il gol, con quel tanto di culo che ogni tanto ci vuole, dopo averne sprecati per sfiga e per affanno una caterva, per cui alla fine il risultato è giusto e lo sfottò è rimandato, mi auguro, alla prossima volta.

Varese – Olimpia 73-66

Non ci si può nascondere dietro a niente: perdere la prima contro una neopromossa, per la squadra finalista del campionato precedente, è una figura di merda, e pure grossa.
Se la neopromossa è Varese è ancora peggio.
Aver cambiato 9 giocatori rispetto alla squadra che solo pochi mesi fa s’era giocata (prendendo una batosta storica) la finale del campionato non è una scusa, è un’aggravante. Vuol dire essersela cercata.

Fine gara, fine campionato

Vabbè, si sapeva che sarebbe finita così. Grazie ragazzi, la finale è stata comunque un traguardo inaspettato, raggiunto con un po’ di culo, ed un bel sogno per qualche istante spensierato.

Complimenti a Siena, sono una grande squadra, born to kill, dovremmo solo cercare di seguire l’esempio.

Forza Olimpia, sempre.
 P.S: in tribuna c’era il vulcaniano, ed io per qualche istante ho immaginato di vederlo scendere in campo, indossare la divisa ed aiutare i ragazzi nella rimonta. Si vede che ho visto troppi film del cazzo quando ero giovane.

OLIMPIA MILANO- CSKA MOSCA 80-79

Poi capitano partite come questa, che in anno in cui fai una grande fatica a seguire veramente la squadra ti fanno scoppiare il cuore e la pancia di basket ed amore per questo sport incredibile.
Non è solo il fatto di aver battuto il CSKA, che già di per sé è un’impresa di questi tempi, ma il modo, il come.
Un primo tempo di assoluto nulla in cui loro vanno sopra di 17, ma potrebbero essere il doppio, e poi un secondo tempo indescrivibile, con la rimonta e la vittoria, questa volta in volata, e tanti tanti anni lasciati lì sul parquet da loro e da noi, anche da chi come me se l’è vista da casa, e tutte le convinzioni, tutte, ribaltate; il falco  stasera è un vero leader, di quelli che ti fanno vincere qualunque cosa, Vitali è capace di colpi vincenti alla Basile e, viene quasi da dire, alla Gallinari, Bulleri che fa le sceltre giuste, che altro? Sono emozionato e contento come se avessimo vinto la coppa.
Grazie ragazzi, grazie Olimpia.
I love this game.